lunedì 28 febbraio 2011

PINOCCHIO, IL GATTO, LA VOLPE E LA....P'TONA....


Dopo aver riportato una pagella piena di bei voti, la fata Turchina ha voluto portare il bravo Pinocchio (Ciarill) alla festa del Socio presso il Teatro Serpente Aureo sabato scorso, tra musica, balli, coriandoli e stelle filanti, il burattino insieme al Grillo Parlante e al Fata Turchina ha cenato con un gustosissimo timballo e manichetti d'agnello con pallette fritte veramente squisite.
Per essersi comportato veramente bene durante l'anno, la Fata, dopo cena, ha dato 10 zecchini d'oro a Pinocchio pregandolo di scendere sotto al bar per acquistare altri dolcetti tipici di carnevale, sfrappe, castagnole e ravioli.
"Certo Fatina!!" disse Pinocchio: "torno in un battibaleno" e, uscito dal palchetto scese le scale correndo in direzione del Bar. Giunto alla cassa il povero burattino, si rese conto che c'era molta fila e, piccolo com'è nn riuscì a farsi strada tra la folla festante. Si avvicino a quel punto la vecchia Volpe (M'rell), che attratto dagli zecchini doro che Pinocchio aveva in mano disse: "Hooo chi si vede il buon Pinocchio!! Che fai quiii!!". "La Fata Turchina mi ha detto di comprare i dolcetti, mq c'è troppa fila, e la gente m'briaca nn mi fa passare".
Si avvicino intanto il Gatto (Santariell), che disse: "Ohhhh Pinocchio, c'è un posto qua vicino dove fanno i dolcetti più buoni del mondo, ravioli con tutte le tipologie di ripieni e costa di meno!!!". "Su vieni con noi" incalzò la Volpe, e Pinocchio:"Ma la fata Turchina mi ha detto di tornare subito!!!". "Ma il posto dove dobbiamo andare è quà vicino vedrai che faremo in un battibaleno". E Pinocchio, preso sottobraccio dal Gatto e dalla Volpe, si lascio convincere.
Entrarono in quella che della pasticceria non aveva nulla, non vi erano dolcetti, ne ravioli in esposizione, la Volpe presa una bottiglia di vino disse al Burattino: "Bevi, bevi un bicchiere di vino, intanto che preparano i ravioli". "Si si replicò il Gatto, un bicchiere di vino insieme a noi e agli amici "Ladrones". E scolato il primo bicchiere, subito gliene fu riempito un'altro. "Bevi Pinocchio!!! Stanno friggendo i ravioli, vedrai che buoni!!" Sentenziò la Volpe e giù un'altro bicchiere, che fu immediatamente riempito di nuovo.
Intanto che il tempo passava la Fata Turchina e il Grillo Parlante, iniziarono a preoccuparsi per l'assenza di Pinocchio e cominciarono a cercarlo in lungo e in largo per il teatro e poi per le vie di Offida: "Pinocchiooooooo! Pinocchiooooo!Dove seeeeiiii!" gridava la povera Fata Turchina. Il burattino, che oramai si era dimenticato dei dolcetti, cantava e ballava con il Gatto, la Volpe e i Ladrones, continuando a bere vino, un bicchiere dopo l'altro tra grida, schiamazzi, e grasse risate".
Passavano le ore e l'angoscia della fata Turchina cresceva di minuto in minuto, quando finalmente trovarono il povero Pinocchio per terra come uno straccio ubriaco fradicio e senza più zecchini d'oro.......

2 commenti:

  1. CHE FINALE A SORPRESA!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. povera fata, la prossima volta bruciagli tutti e 2 i piedi

    RispondiElimina